ULTIMA ORA, ARRIVA LA DENUNCIA DI LUIGI DI MAIO…

“Oggi abbiamo incontrato a Bruxelles il direttore di Frontex, Fabrice Leggeri. Ci ha confermato, dopo averlo chiarito anche in audizione al Parlamento Ue, che Triton, voluta da Renzi, prevede che tutti i migranti siano portati in Italia. Questa è la verità: Renzi e il Pd ci hanno svenduto per 80 euro trasformandoci nel più grande porto d’Europa, convinti che saremmo rimasti in silenzio”, queste è ciò che ha scritto Luigi Di Maio sul blog di Beppe Grillo.

Ciò che ha scritto ci ha lasciati davvero senza parole. Purtroppo il Pd ci ha mentito e crede di farla franca. In qualsiasi altro Paese, si sa che chi mente al proprio popolo presenta le dimissioni purtroppo però in Italia questa pratica è ancora assente. Luigi Di Maio, ha chiesto a Gentiloni di andare a riferire in aula di quanto accaduto, perché quando è stato firmato l’accordo ricopia il ruolo di Ministro degli Esteri.

Il pentastellato ha spiegato anche che sulla Libia sono stati molto chiari, è un tema di sicurezza nazionale ed anche se ha il massimo rispetto per i volontari, per chi non rispetta le regole, i porti saranno chiusi. I punti essenziali del Movimento 5 Stelle sono i bilanci trasparenti e una stretta collaborazione con l’autoritá giudiziaria italiana.

 

Il Movimento 5 Stelle ha depositato una legge a prima firma Bonafede, che prevede la presenza di ufficiali sulle imbarcazioni battenti bandiere straniere che trasportano i migranti. Di Maio, infatti, in merito alla legge ha detto: “Chi non si trova d’accordo, non attracca sulle nostre coste. Chi arriva a entrare in acque libiche per portare i migranti in Italia, non attracca sulle nostre coste”.

Non si può più aspettare. Grazie all’arrendevolezza dei governi presenti negli ultimi anni, l’Europa si è presa tutto ciò che desiderava dall’Italia e successivamente non ne ha più voluto sentir parlare. I 5 Stelle, stanno chiedendo di chiudere la rotta mediterranea così come hanno fatto con quella balcanica, visto però che nessuno ascolta i pentastellati stanno cercando di fare tutto da soli, sottraendo parte del budget Ue e investendolo di nuovo nella gestione dei rimpatri.

Luigi Di Maio, non si rassegna del fatto che l’Europa stringe accordi per importare l’olio tunisino ma non è in grado di stringere un accordo per i rimpatri con i Paesi di transito in Africa. La volontà politica da parte di tutti ormai è svanita, ma il M5S non vuole perderla affatto. Il pentastellato ha anche ribadito che credono nelle leggi dello stato e non nei codici, come lo pseudo-Codice sulle ONG definito da lui stesso ‘fumo negli occhi’.

Frontex, ha sottolineato che se in Italia la maggior parte degli interessi riguarda i migranti economici, allora devono essere rimpatriati in sicurezza con i soldi dell’Unione Europea.

Di Maio ha concluso il suo discorso dicendo: “Ci domandavamo come fosse possibile l’arrivo di 12.000 migranti in Italia in sole 48 ore, più di quanti non ne siano arrivati in Spagna in un anno intero. Lo abbiamo capito. Renzi, Gentiloni, Alfano, tutto il Pd ma anche una buona parte del centrodestra hanno siglato accordi indicibili con i burocrati UE mettendo in ginocchio la nazione. Hanno trasformato l’Italia in un grandissimo campo profughi, per far contenti anche i loro amici nel coop, in cambio di qualche spicciolo. Di poche briciole. Che loro chiamano flessibilità. I giochi però sono finiti. E a giudicarli saranno prima di tutto gli italiani”.

GIORNALISTA SCOPRE QUELLO CHE HA FATTO MARIO MONTI NEL 2012… DA NON CREDERCI!

PANICO SU SKY! IL CONDUTTORE VA CONTRO I 5 STELLE! IL GIORNALISTA LO FERMA FACENDO QUESTE CLAMOROSE DICHIARAZIONI