Accoglienza sbalorditiva per il Premier italiano Giuseppe Conte

La città tappezzata di cartelli che ritraggono il Premier Conte. Grande accoglienza per il nostro Premier nella città di Addis Abeba che aspetta il presidente del Consiglio italiano , da oggi in visita ufficiale in Etiopia. Il primo capo di Governo occidentale ad arrivare in questa parte del Corno d’Africa, dopo la pace siglata fra Etiopia ed Eritrea, e’ atteso da una citta’ tappezzata di cartelli che lo ritraggono insieme all’attuale premier etiope Abiy Ahmed. Immagini che si ripetono lungo la strada e che iniziano subito, appena usciti dall’aeroporto internazionale. FONTE

 

“11 e 12 ottobre, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte sarà in Etiopia ed Eritrea per la prima visita congiunta di un leader italiano da molti anni a questa parte e a tre mesi dalla firma dello storico accordo di pace tra i due Paesi. La visita ha l’ obiettivo preciso di sostenere il processo di riforme politiche e la stabilizzazione economica.”

“L’ impegno a favore dei due Paesi arriva a suggellare un percorso avviato da tempo, con l’ Italia che ha deciso di «giocare le sue carte in una regione, quella del Corno d’ Africa, assolutamente cruciale dal punto di vista geopolitico, e dove c’è una forte domanda di Italia», dicono fonti diplomatiche.”

“Percorso che aveva visto una tappa importante il mese scorso, in occasione della colazione di lavoro che il ministro degli Esteri Enzo Moavero Milanesi aveva avuto a New York, a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite, con i colleghi di Addis Abeba ed Asmara, Workneh Gebeyehu e Osman Saleh.”

“In quell’occasione, nel riscontrare l’interesse di entrambi i ministri ad un ruolo privilegiato dell’Italia nel processo di riavvicinamento fra i due Paesi, il titolare della Farnesina aveva assicurato il convinto e fattivo appoggio dell’Italia alla piena attuazione dell’accordo di pace, sia sul piano bilaterale, sia nei vari consessi internazionali e multilaterali.” FONTE

Scintille in diretta dalla Gruber. Marco Travaglio perde le staffe

“Bomba” Luigi di Di Maio sui Ministeri. Cosa cambierà