Ultim’ora! Dichiarazioni shock del “Colosso mondiale finanziario” sulla Manovra di Governo

Dichiarazioni shock del “Colosso Mondiale Finanziario” sulla Manovra del Governo Conte. Cosa avranno da dire tutti gli economisti esperti e vari giornalisti spacciatosi per tali in questo periodo, sulle dichiarazioni dei reali protagonisti dell’investimento?!

“I fondamentali dell’ Italia restano buoni, nonostante l’ incertezza politica. Per questo, per noi, l’ impennata dello spread italiano rappresenta un’ opportunita’ di investimento”. Questa la valutazione di Nick Gartside, capo della divisione reddito fisso di JP Morgan Asset Management, espressa in un’ intervista pubblicata  dal Sole 24 Ore.

“Le nostre strategie d’ investimento  sono da sempre orientate dai fondamentali e dalla valutazione sul rapporto rischio-rendimento. Ad oggi crediamo che l’ incertezza politica italiana sia adeguatamente remunerata. Per questo alcuni dei nostri fondi stanno aumentando l’ esposizione in BTp”. L’ innalzamento dello spread rappresenta “un’ opportunita”.

“I problemi dell’ Italia sono ben noti ma non si possono trascurare i punti di forza quali il surplus della bilancia commerciale e l’ avanzo primario”. In merito alle preoccupazioni per la soglia di deficit fissata al 2,4%, Gartside spiega che “tanti governi, a partire da quello americano, stanno facendo deficit spending non vedo nulla di strano nel fatto che anche l’ Italia faccia altrettanto. E’ una tendenza che andra’ ad aumentare nei prossimi anni. Per compensare la riduzione dello stimolo monetario si utilizzera’ sempre di piu’ la leva fiscale”.

Ieri l’ agenzia Fitch ha lanciato un warning sull’Italia, ma secondo Gartside i mercati hanno gia’ scontato “una bocciatura da parte di Moody’s, ma ritengo assai improbabile che il rating dell’ Italia scenda a quota junk. C’e’ da aspettarsi molta volatilita’, questa si’, in vista delle decisioni delle agenzie”. FONTE

Chiesta la reclusione per lui, ma “essendo un pezzo grosso” nessun organo di stampa ne parla

Scintille in diretta dalla Gruber. Marco Travaglio perde le staffe