“Vergogna” che non ci aspettavamo

Hanno voltato le spalle al Movimento e agli italiani. Dopo le tensioni durante i lavori in Commissione e le richieste di modifica più volte rilanciate e rimaste inascoltate, i senatori M5s Elena Fattori, Paola Nugnes e Gregorio De Falco, critici sul Decreto Sicurezza hanno scelto di uscire dall’Aula,considerata la decisione del governo di mettere la fiducia. “Rinnoviamo la nostra fiducia, continuiamo a sostenere questo governo”, hanno spiegato, decidendo di intervenire in Aula in dissenso, ma soltanto sul provvedimento.

I toni sul decreto sono rimasti duri: “Produrrà più irregolari“, ha rivendicato Nugnes. Mentre De Falco ha rilanciato: “Modificare il decreto per renderlo più confacente ai dettami costituzionali non era una facoltà, ma un dovere al quale il presidente della Repubblica ci aveva chiamato. La maggioranza non può ritenere che il compito del Parlamento possa esaurirsi in una semplice ratifica del provvedimento”.

“Questo decreto è discutibile sia nel merito che nel metodo. Darà più forza a chi già sfrutta l’immigrazione e tutto ciò è esattamente il contrario del programma del Movimento 5 Stelle”, ha aggiunto Fattori. Assente invece l’altro dissidente M5s sul decreto Salvini, Matteo Mantero. Nei confronti del gruppo è già stata avviata un’istruttoria, e sarà il collegio dei probiviri a decidere su un’eventuale espulsione. FONTE

Quando si sottoscrive un Contratto con un’altra forza politica si dovrebbero assumere tutte le responsabilità del caso e si dovrebbe pensare prima che non potremmo condividere tutto,ma come loro votano punti del nostro programma,noi dovremmo fare lo stesso. Va bene voler migliorare il Decreto,ma se ciò non è stato possibile, si deve portare avanti l’impegno preso fino alla fine.

Immaginiamo che anche i leghisti non siano stati sempre d’accordo con i decreti del M5S ma ,almeno fin’ora non hanno tradito la loro forza politica.Questi senatori sono stati egoisti,hanno pensato a loro stessi e non agli italiani. Se facessero così anche i leghisti,dove va a finire il Governo? Con dispiacere non condividiamo la scelta di questi senataori pentastellati,scelta che non ci rappresenta e a leggere i commenti degli utenti nelle loro pagine è un dispiacere che hanno provato in molti.Coraggio Luigi Di Maio,superiamo anche questa e andiamo avanti. #IostoconLuigiDiMaio#

Di Battista si rivolge a Salvini .La risposta del leghista non si lascia attendere

Condannato il noto politico italiano