Il Premier Conte “scagionato” dalle accuse

Parla uno dei diretti interessati,il presunto “amico d’affari” ,le sue parole sono chiare e non lasciano spazio a dubbi e “scagionano” il Premier dalle accuse . Il Lo dice in un colloquio con La Stampa e anche con il Corriere della Sera ,Raffaele Mincione, uomo d’affari e finanziere entrato in Carige un anno fa con il 5,4% e ancora azionista dell’istituto con poco meno del 5%. Agli attacchi del Pd che punta il dito contro il presunto asse d’interessi Conte-Alpa-Mincione l’interessato risponde che l’intervento del governo è tutt’altro che un favore e rivendica che “quanto accade oggi in Carige dimostra invece ciò che ho sempre sostenuto, e cioè che alla banca serve un’aggregazione per sopravvivere e mantenere il suo ruolo importante sul territorio”.

“Non ho mai avuto l’onore di conoscere Conte”, spiega il finanziere, che parla anche con il Corriere della Sera spiegando che l’incarico per il parere pro veritate su Retelit fu dato da “uno dei miei collaboratori”. Conte all’epoca  non era ancora nessuno ma dopo l’opinione è diventato primo ministro. Uno deve pur lavorare, no?”.

Quanto al professor Guido Alpa, mentore di Conte, “che sarebbe il nostro presunto trait d’union, era per il dossier Carige la persona più giusta per lavorare con noi visto che era stato consigliere della banca, da cui si era dimesso denunciando tante cose sbagliate”, aggiunge Mincione. “Mi spiace leggere di questa assurda strumentalizzazione politica. La verità è che il governo ha fatto la cosa più ovvia e più giusta per mettere in sicurezza la banca. Chi accusa Conte dovrebbe peraltro spiegare quale beneficio mi dà il decreto legge in questione, visto che la mia quota vale zero e se nazionalizzeranno Carige varrà meno di zero”.

Secondo Mincione il provvedimento dell’esecutivo “serve per tranquillizzare i clienti e i dipendenti e per intervenire su eventuali problemi di liquidità, che se esistono o dovessero insorgere vanno affrontati rapidamente”. FONTE

Ancora una volta il Pd è stato smentito. Sanno soltanto strumentalizzare. Ma va bene così, in questo modo,aprono occhi e testa a tutti,mettono ancor pià in evidenza le sostanziali differenze, tra M5S e vecchia politica. Crediamo che questo sia soltanto l’inizio,abbiamo appena cominciato a mettere le mani per cambiare qualcosa ,ne vedremo delle belle !!!

 

 

Ritorno di Di Battista in tv. Straordinario quello che ha detto! Ottime parole,avanti!

Il Pd sfrattato “a casa della Boschi”