E’ tornato lo “zerbino” a corte

Lo zerbino si è prostrato nuovamente a corte. Come hanno sempre fatto. L’Italia e gli italiani DOPO di tutto. “Gentile Ambasciatore, Le scrivo per rappresentarLe, per conto delle senatrici e dei senatori del Gruppo del Partito Democratico in Senato, la nostra vicinanza ed il nostro disappunto per i continui attacchi pretestuosi perpetuati da Ministri del governo italiano a danno del Suo Paese.”

“Nel rinnovarLe i nostri storici sentimenti di amicizia e di stima nei confronti delle Istituzioni del Suo Paese e del popolo francese, non posso esimermi dal rappresentarLe la nostra profonda indignazione per i recenti incontri, che hanno visto protagonista il Vice premier Luigi Di Maio ed alcuni dei responsabili delle violenze e degli scontri che hanno infuocato le città francesi nelle ultime settimane, nonché causato il ferimento di decine di agenti di pubblica sicurezza. Si tratta di una ingerenza francamente inqualificabile.”

“Tali incontri si sono svolti dopo che per alcune settimane i vertici del governo italiano hanno a più riprese continuato a criticare, in maniera assolutamente pretestuosa, le Istituzioni francesi. Critiche avanzate al solo scopo di aumentare la visibilità interna e che hanno, purtroppo, messo a dura prova le nostre relazioni diplomatiche. Non Le nascondo la nostra preoccupazione per un Governo, che sta tentando di cambiare il sistema di alleanze internazionali del nostro Paese, la scelta sul Venezuela di stare di fatto con Russia e Turchia, invece che con Francia, Germania e Regno Unito è solo l’ultimo caso.”

“Certo che tali atteggiamenti non muteranno i nostri storici rapporti di solidarietà e di impegno comune tesi alla salvaguardia dei valori fondanti la Comunità europea e di condanna dei movimenti politici di estrazione violenta, mi consenta di rinnovarLe i nostri sentimenti di profondo rispetto e di rappresentarli al Presidente Macron e ai vertici del Governo francese.  Cordiali saluti”  Andrea Marcucci

“Anche l’account ufficiale del PD con la bandiera francese .D’altronde a Sandro Gozi non danno mica la Legion D’Onore per caso! Loro erano quelli che si vantavano di fare gli interessi dell’Europa, mica dell’Italia .”  Gabriele Lorenzoni M5S

Formigli chieda scusa agli italiani e si dimetta !

Basta!!! “Azzeriamo tutto”