Il giornalista “distrugge” Calabresi ! “Mi ha rovinato la vita”!

Dopo essere stato scaricato dagli editori di Repubblica,Calabresi deve vedersela con le accuse del noto giornalista . “Verdelli a Repubblica? È bravo e non potrà far peggio di Mario Calabresi, il peggior direttore che abbia mai avuto. Mi ha rovinato la vita per un bel po’ di anni quando era a ‘La Stampa’”. Il giudizio tranchant è di Andrea Scanzi, giornalista del Fatto Quotidiano, che martedì è stato ospite del programma di Rai Radio1 Un Giorno da Pecora, condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro.

 

Come mai questo rapporto burrascoso? “Dopo che avevo seguito i primi ‘Vaffa Day’ di Beppe Grillo, Calabresi mi vide in tv da Santoro. La cosa non gli piacque, perché secondo lui fui troppo critico con la Bresso, e allora ragionò così: “Sai che c’è, questo qua diventa un inviato che si occupa di moto”. E così per due anni, dal 2009 al 2011, feci solo quello.”

“Fu un’esperienza anche bella: conobbi tanti colleghi divertenti e ovviamente conobbi Rossi, Dovizioso e Simoncelli. Resta però il dato di fondo: pur di non farmi parlare di politica, mi spedì su e giù per il mondo a seguire il motomondiale”.

Ne è sicuro? “Certo che ne sono sicuro: è la mia vita. Mi aveva anche promesso di essere assunto: non l’ha mai fatto. Scelte legittime, ma mi ha rovinato la vita per due anni. Quando lo vedevo nel suo studio, mi diceva pure che ero troppo critico con Ligabue e Jovanotti, che lui reputava grandi intellettuali. Parlo del periodo 2008-2011, poi sono andato (per fortuna) al Fatto grazie a Padellaro e Travaglio. Marco mi aveva già chiesto a metà 2009 di entrare nel non ancora nato Fatto, ma all’epoca Calabresi mi aveva promesso l’assunzione: mi fidai di lui e sbagliai. Non me lo perdonerò mai. Mai.”

“L’ho rivisto una sola volta, credo fosse il 2015 ed ero ospite di Ballarò nella gestione Giannini. A fine puntata mi aspettò e mi disse: “Perché sei stato più duro con me che con la Meloni?” Risposi così: “Perché tu sei peggio, molto peggio della Meloni”. Poco dopo divenne direttore di Repubblica. Lavorativamente devo ancora capire che doti abbia e umanamente non ho una grande stima per lui. Credo sia un sentimento reciproco. Auguro a Repubblica di trovare un direttore più bravo di Calabresi. Cioè, tutti”.

Nessuno mai aveva osato farlo prima. Lo ha fatto Di Maio ! Cambiamento radicale !

Annunziata e Feltri sbugiardati ! Luigi Di Maio la vince