Di Battista: “Salvini togli la scorta a Vespa e alla Boschi”…

Si torna a parlare del caso delle scorte pazze ma questa volta non è Matteo Salvini a riaprire la polemica ma Alessandro Di Battista, ex deputato del Movimento 5 Stelle che con un post su Facebook avrebbe incitato Salvini a togliere le scorte pazze a chi non ne ha bisogno.

A qualche settimana dalla querela di Matteo Salvini contro lo scrittore Roberto Saviano, si torna a parlare delle scorte assegnate a determinate persone politiche ed intellettuali del Paese. Questa volta però, Alessandro Di Battista non si è scagliato contro Roberto Saviano che in questo caso ha bisogno davvero della scorta, ma contro Maria Elena Boschi e Bruno Vespa.

Con un post pubblicato sul suo profilo Facebook ufficiale, l’ex deputato del Movimento 5 Stelle Alessandro Di Battista si è scagliato contro le finte scorte chiedendo a Salvini di intervenire subito e di toglierle a chi non risulta essere in pericolo di vita. Alessandro Di Battista ha scritto: “La storia delle scorte pazze è una vergogna tutta italiana. Non si tratta solo di sprechi, si tratta di privilegi e di forze dell’ordine sottratte al loro compito: quello di difendere i cittadini, non i potenti.”

Ed ha aggiunto anche che in Italia ci sono ben 560 persone che si trovano sotto scorta, in Francia solo 165, in Germania circa 40 e nel Regno Unito addirittura solamente 20 persone godono di questa protezione. L’ex deputato del Movimento 5 Stelle ha poi concluso il suo post scrivendo: “È vergognoso. Magistrati e giornalisti minacciati ne hanno tutto il diritto. Tra l’altro ci sono “giornalisti” di frontiera, sconosciuti, che rischiano la vita davvero”.

Fonte: https://www.fanpage.it/alessandro-di-battista-incita-matteo-salvini-contro-le-scorte-inutili-toglile-boschi-e-vespa-se-la-paghino-da-soli/

Luigi Di Maio: “Sì ai voucher, ma niente spazio agli abusi!”…

Luigi Di Maio rimane fermo sulla pubblicità del gioco d’azzardo e…