Guai in vista per la Lega. Il candidato all’economia indagato per…

Non è neanche iniziata un’ipotesi di governo per la Lega che già sono saltate fuori le prime problematiche per i candidati scelti poiché alcuni sono stati indagati. Prima della campagna elettorale, Matteo Salvini, pensava per Armando Siri ad un ruolo di governo magari per la figura di ministro dell’economia. Stando però a quanto riporta l’Espresso sembrerebbe che Armando Siri non abbia la fedina penale pulita.

Armando Siri ha 46 anni, è un eletto al Senato ed è l’ideologo della Flat Tax e sembrerebbe che tempo fa abbia patteggiato per una pena che riguardava una bancarotta fraudolenta. Tutto ciò sarebbe successo tre anni e mezzo fa, infatti, un giudice aveva accolto l’accordo tra accusa e difesa per il fallimento della MediaItalia, una società che avrebbe lasciato dei debiti di oltre un milione di euro.

Nelle motivazioni, i magistrati che hanno firmato la sentenza hanno scritto che prima del crack, Siri ed i soci hanno svuotato l’azienda trasferendo tutto il patrimonio ad un’altra impresa la cui sede legale è stata spostata poco dopo nel Delaware, un paradiso fiscale situato negli Stati Uniti.

Secondo quanto riportato negli altri quotidiani, la società aveva iniziato iniziato nel 2002 l’attività nel settore della produzione di contenuti editoriali per media e aziende, oltre a Siri che era già un giornalista Mediaset vedeva altri due soci. Nel 2005 però, il conto è diventato rosso per oltre un milione di euro. Il patrimonio è stato trasferito in un’altra società la Mafea comunication.

I creditori erano rimasti a bocca asciutta perché era stata chiusa MediaItalia ed era stata nominata liquidatrice una cittadina dominicana, che fa la parrucchiera. Il caso ha voluto che ci sono altre due società italiane che hanno trasferito la sede legale in Delaware ed hanno lo stesso indirizzo, e ad entrambe compare il nome della parrucchiera dominicana. Da pochi anni Siri è diventato un fedelissimo segretario federale di Salvini che l’ha nominato anche responsabile economico di Noi Con Salvini.

Fonte: https://www.ilfattoquotidiano.it/2018/03/12/lega-lespresso-lideologo-della-flat-tax-armando-siri-patteggio-per-bancarotta-fraudolenta/4219817/

Esclusivo !!! Ecco chi c’è dietro alla Flat Tax di Salvini, un condannato…..

Sgarbi perde di nuovo le staffe e questa volta se la prende con gli inviati de ‘Le Iene’…