Laura Boldrini si scaglia contro i suoi “odiatori” .Ecco cosa ha fatto

“Sulla mia pagina Facebook ho pubblicato nomi e cognomi di chi mi aveva insultato e minacciato. E io li ho chiamati per telefono, invitandoli alla Camera per discutere con me. Le reazioni sono state molto strane: c’è chi si è disperato, c’è chi ha fatto rispondere alla moglie e alla madre per chiedere scusa”. Lo sostiene Laura Boldrini di Liberi e Uguali.

“C’è un confine netto e chiaro tra la libertà di espressione e l’insulto. La prima è sacrosanta e guai a chi la tocca. Altra cosa è usare turpiloquio, ricorrere agli insulti,augurare stupri. Credo che per arginare questa deriva ci sia bisogno di molta educazione: educazione in generale ed educazione civica digitale”.

“Ho istituito anche una commissione sui fenomeni di odio, perché è evidente che l’odio si sta infiltrando nella nostra vita, rendendola decisamente peggiore. A un certo punto, ho deciso di denunciare tutti quelli che mi insultavano e mi minacciavano di morte. Le mie denunce sono state tantissime. E l’ho fatto in nome e per conto di tante persone che mi hanno detto di vivere la mia stessa condizione, ma di non avere né la voglia, né la forza, né la disponibilità economica per farlo. Quindi, è stata una sorta di class action.”

E continua ancora la Boldrini “E coi soldi che rientreranno da queste denunce contro i miei haters farò progetti di educazione civica digitale. Le vittime di bullismo e di cyberbullismo devono sapere che esiste la legge nello Stato di diritto. Il diritto di dire la propria idea deve finire là dove inizia il diritto dell’altro di non essere offeso”

Poi se la prende con M5S e Lega: “Questa è la politica dell’odio. Se i capi fanno così, cosa ci aspettiamo dai loro follower e militanti?” FONTE

La richiesta di Alessandro Di Battista a Matteo Salvini

Lettera al Ministro della salute,Giulia Grillo