Luigi Di Maio agguerrito : adesso basta, ne risponderanno in tribunale!

Luigi Di Maio sempre più agguerrito ,ogni volta deve difendersi  dalle falsità che scrivono alcuni giornalisti. Scrive così sulla sua pagina :

“Anche oggi Repubblica inquina l’ informazione con una fake news inventata di sana pianta. Il giornalista Bonini, che per questo sarà querelato ancora una volta, scrive che sono stato io ad aver scelto i due uomini della mia scorta e di aver selezionato due di Pomigliano d’ Arco, la mia città: “due compaesani a chiamata diretta”.

“Questo è assolutamente falso e basterebbe una semplice verifica per non scrivere queste fesserie. Mi chiedo come sia possibile permettere la pubblicazione di notizie totalmente false e non verificate. La scorta dei due ministeri è assegnata all’ arma dei carabinieri.”

“Gli agenti della scorta lavorano a Roma da anni, non sono di Pomigliano d’ Arco, non li avevo mai visti prima e non li ho certo scelti io. Sono persone per cui nutro il massimo rispetto: sono dell’ arma dei carabinieri e sono prima di tutto dei servitori dello Stato. Tirarli in ballo con una fake news è davvero squallido. Repubblica e Bonini ne risponderanno in tribunale.”

Il giornalista Crarlo Bonini scrive così sul suo quotidiano “La si potrebbe parafrasare con un “Dimmi che scorta vuoi e ti dirò chi sei”. Perché, in fondo, cambiano le stagioni politiche, ma la scorta è e resta il banco di prova antropologico, prima ancora che politico, del rapporto degli uomini nuovi con il Potere. È successo così che il primo a inciampare, forse non a caso, sia stato, in questi primi due mesi, Luigi Di Maio, il vicepremier dei Cinque Stelle che voleva l’ impeachment del Capo dello Stato….”

Ora è tutto chiaro del perchè il renziano Marcucci “odia tanto” Di Maio

Scintille ! Il ministro Toninelli zittisce Tajani